PRATICCHIA NEWS – 2021
13 Giugno 2021
APPENNINO INSOLITO
7 Luglio 2021

Cavallerizzi in trasferta – VIAGGIO A CALA GONONE

Il nostro viaggio verso Cala Gonone comincia giovedì 10 giugno, quando io, Luciano e Simonetta ci troviamo a Piacenza con destinazione il porto di Livorno, dove ci aspetta il lungo e tormentato attraversamento del mare che ci porterà ad Olbia.
L’idea è quella di passare 5 giorni tra roccia (molta) e spiaggia (poca), in particolare la mia idea è questa, poiché non amo molto il sole e la vita di mare.

Venerdì 11, dopo una notte travagliata a causa di compagni di viaggio americani dediti all’alcolismo più ignorante, arriviamo ad Olbia e ci dirigiamo immediatamente verso Cala Gonone, dove abbiamo affittato un piano di un villino sulle prime salite del paese, che domina il golfo e le spiagge, con vista anche sulla bella ma assolatissima falesia della Poltrona, in estate non frequentabile.

Appoggiati i bagagli decidiamo di toccare immediatamente la roccia
locale, e vista la giornata di sole siamo obbligati a dirigerci verso il canyon di Cala Fuili.
La passeggiata che ci porta sotto i settori è molto bella e mi ricorda i sentieri delle Calanques francesi, a destra e sinistra roccia che varia molto di consistenza e colore: ci fermiamo in una sezione semplice dove sono solamente indicati alcuni tiri e nemmeno tutti i gradi di questi.

Il mare, la roccia e la spiaggia di Cala Fuili

La chiodatura non è propriamente generosa, i passi sono spesso obbligati e come primo impatto speravo onestamente in qualcosa di meglio: la roccia non è così ruvida come credevo ma mi sento anche stanco per il viaggio ed attribuisco la ritirata dalla catena di un lunghissimo 6b anche a quello.

Luciano per fortuna stringe le chiappe, si lancia verso un albero sopra la catena e porta a casa denti e rinvio! Fatico a capire chi chioda la catena lontano dall’ultimo ancoraggio, la mente si sta rilassando proprio perché la via è quasi conclusa e non credo sia proprio lì il passaggio chiave per risolvere un tiro.

Fiumi di birra ci aiutano, la sera, a sciogliere mente e muscoli, così il giorno dopo decidiamo di immergerci nella bellezza del settore “Buchi Arta”, splendido contesto di lecci e olivastri, appena sopra l’abitato di Cala Gonone.

Il settore sinistro della bella falesia di Buchi Arta

La strada per arrivarci in realtà è lunga e tortuosa, ma ne vale davvero la pena: avvicinamento nullo e vie attorno ai 30-35 metri, su roccia quasi sempre ottima a tacche o tasche spesso buone.

L’impressione generale è molto positiva, la brezza è piacevole al mattino e l’ombra che ci avvolge permette di scalare fino le 13 (siamo pur sempre in giugno e in Sardegna!).
Anche se la chiodatura non è generosissima, le linee verticali sulla parete in leggero strapiombo non generano panico nel volo, così mi diverto anche quando rinvio ben sopra la mia testa, con il chiodo almeno un metro sotto i miei piedi.

Luciano in arrampicata a Buchi Arta

Domenica decidiamo di scalare solo io e Luciano, e facendoci (ben?!) suggerire da Eugenio che ha da poco scritto e disegnato con Maurizio Oviglia la guida proprio delle falesie attorno a Cala Gonone, ci dirigiamo a Serra Oseli, piccolo gioiello nel mezzo del nulla, attorno a quota mille, da scovare attraversando pascoli, rigagnoli quasi asciutti, maiali neri grufolanti nei prati e qualche sguardo interrogativo dei pastori locali.
Qui il discorso cambia parecchio: ci sono tre paretine ben distinte l’una dall’altra, dove l’ arrampicata si svolge prevalentemente su roccia veramente ruvida e tagliente, dove occorre saper caricare bene i piedi e fidarsi…

Luciano e il ginepro secolare di Serra Oseli

Aldilà del perché siamo lì, il luogo è stupendo, non passa un’auto, si è immersi nella natura e si potrebbe essere veramente ovunque, non per forza in terra Sarda.
La sera, carichi per la piacevole scoperta, e per aver anche acquistato numerosi chili di pecorino in una piccola azienda locale, ceniamo al “Nuraghe Mannu”, agriturismo che serve a tariffa fissa, Cannonau da 17°! L’impressione iniziale è che i gradi siano inferiori, ma a fine serata sembrano magicamente raddoppiati.

Per affrontare il cannonau ci vuole “pelo”…

Per l’ultimo giorno, complice la sera precedente, ci concediamo di nuovo un passaggio mattutino a Buchi Arta: la confidenza con la roccia è aumentata, e diventa quasi piacevole anche lanciarsi in vie dove le chiodature sono davvero tirchie.
Mi aspettavo in generale una Sardegna molto arida e spoglia di vegetazione, mentre ho trovato molto più verde e fresco che in Pianura Padana!

Consiglio vivamente di provare il mirto artigianale, completamente diverso da quello commerciale che possiamo trovare al Nord e poi non rinunciate alla birra Ichnusa, ormai proposta cruda, pils, non filtrata, etc etc….ma sempre ottima in ogni caso.

Nicolò

Simonetta tra gli oleandri della Codula di Luna

Articoli correlati

22 Luglio 2021

GUIDA ALLA SICUREZZA IN ARRAMPICATA SPORTIVA

“L’arrampicata sportiva è considerata uno sport sicuro, oggi ufficialmente riconosciuto dal CONI e presto presente alle Olimpiadi. Ma perchè rimanga sempre uno splendido gioco, è necessario […]
10 Luglio 2021

NEW BARBER GENERATION

Fare il “restyling” di una falesia è una cosa impegnativa, perchè occorre motivazione, tempo e materiale. L’idea di fare un intervento a Barberino è partita da […]
7 Luglio 2021

APPENNINO INSOLITO

Segnaliamo un bell’articolo a firma di Silvia Mazzani dedicato all’arrampicata nei gruppi del Monte Penna e Maggiorasca e pubblicato sull’ultimo numero de “L’ORSARO” ( la rivista […]
4 Luglio 2021

Cavallerizzi in trasferta – VIAGGIO A CALA GONONE

Il nostro viaggio verso Cala Gonone comincia giovedì 10 giugno, quando io, Luciano e Simonetta ci troviamo a Piacenza con destinazione il porto di Livorno, dove […]